Articoli

Focus Europe sta sviluppando un progetto nell’ambito del programma Gioventù in Azione che mira a stimolare e rafforzare la sensibilità dei giovani al rispetto dell’ambiente e ad un sano utilizzo delle risorse naturali. Negli ultimi anni l’Unione Europea ha infatti sempre più messo l’accento sulla sostenibilità ambientale sia come strumento di risanamento della società, sia come vettore di una crescita economica più bilanciata.

Leggi tutto...

Nell’ambito del Programma Gioventù in Azione, Focus Europe sta sviluppando un progetto nell’ambito della misura 1.1. Scambi di giovani. In questo progetto i giovani coinvolti approfondiranno in vario modo le caratteristiche dell’artigianato e del lavoro tradizionale condividendo le attività e i risultati con dei coetanei provenienti da un altro paese europeo.

Leggi tutto...

PROGRAMMA EUROPEO “ EUROPA PER I CITTADINI”2007-2013
Misura 1.2 “Reti tra città gemellate”

EUROLANG
European Network of Linguistic Minorities

Premessa
La misura 1.2 “Reti tra città gemellate”del programma “Europa per i cittadini 2007-2013” ha l’obiettivo di creare reti tematiche tra città su argomenti di interesse comune, attraverso lo scambio di buone prassi e la promozione di dibattiti approfonditi. Il potenziale delle reti creato dai vari collegamenti tra comuni italiani ed europei deve essere usato per sviluppare cooperazioni tematiche e durature in grado di contribuire allo sviluppo locale ed europeo. La misura richiede la predisposizione di attività che promuovono lo scambio tra cittadini europei, iniziative pubbliche di livello europeo, di sensibilizzazione e confronto su argomenti condivisi. Il programma, pertanto, mira a riunire e far incontrare le persone delle comunità locali di tutta Europa affinché condividano e scambino esperienze, opinioni e valori, traggano insegnamenti dalla storia e operino per costruire il proprio futuro. Le attività devono avere un target di riferimento ben definito e coinvolgere i membri della comunità attivi nell’ambito selezionato.
Possono partecipare al progetto gli enti locali e regionali, le associazioni di enti locali, le organizzazioni non a scopo di lucro e i comitati di gemellaggi stabiliti in uno dei Paesi partecipanti al programma ( Stati Ue,Croazia, Albania, Macedonia). I progetti devono coinvolgere le municipalità di almeno 4 paesi partecipanti, ed è richiesto che almeno 2 municipalità siano legate da accordi di gemellaggio o siano impegnate nella sua preparazione.

  • Durata massima dei progetti: 24 mesi
  • Durata massima degli eventi: 21 giorni ( 4 eventi da 5 giorni ciascuno)
  • Finanziamento massimo: 150.000 euro

Leggi tutto...

EUROPE FOR CITIZENS 2012
PROGETTO TRACE-NET
EUROPEAN TRADITIONAL CERAMIC NETWORK

PROGRAMMA: EUROPE FOR CITIZENS
MISURA: 1.2 - RETI DI CITTÀ GEMELLATE
SCADENZA: 15 FEBBRAIO 2012

PREMESSA
La ceramica ha accompagnato la vita dell'uomo sulla terra fin dalla nascita delle prime civilizzazioni. Seconda in ordine di tempo solo alla lavorazione della pietra e delle ossa di animali, la ceramica é da millenni diffusa in tutto il mondo ed é definita da numerosi esperti di archeologia e storia antica una "materia ecumenica", ossia un elemento connaturato ad ogni tipo di esperienza umana.
La lavorazione e l'utilizzo della ceramica hanno assunto nei secoli declinazioni specifiche a seconda del contesto storico, geografico e culturale in cui si sono sviluppate.
Il continente europeo vanta una grande varietà di centri e di produzioni ceramiche, una risorsa ad oggi sottovalutata e che meriterebbe una maggiore valorizzazione sia sotto il profilo storico-culturale che sotto quello economico-sociale.
La ceramica fa il suo ingresso in Europa intorno al III millennio a.C, diffondendosi nella Magna Grecia ed Etruria intorno al IV° secolo a.C. e successivamente in tutto il Mediterraneo e nel continente europeo grazie all'espansione dell'impero romano, principale vettore di diffusione di quest'arte.
Con la caduta dell'Impero Romano vengono interrotti i grandi scambi culturali e commerciali, ed anche la produzione della ceramica ne subisce gli effetti.
Successivamente nel cinquecento si assiste ad una grande rinascita della lavorazione della ceramica con la nascita e la diffusione di una nuova tecnica: la maiolica.
La maiolica raggiunge ben presto un altissimo grado di perfezione tecnica e di qualità artistica; al suo interno si distinguono subito vari stili, chiamati "famiglie", che seguono sviluppi diversi a seconda dell'influenza geografica e culturale. Il centro Italia si distingue per i piatti istoriati, mentre nell'Italia del sud, in Spagna ed in Portogallo si diffondono le mattonelle per pavimenti e rivestimenti. In Austria, Germania, Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia, la maiolica viene impiegata per la costruzione di stufe, mentre in Germania si sviluppa la tecnica ceramica del gres, un prodotto quasi vetrificati, ottenuto attraverso l'utilizzo di un argilla finissima e cotture ad altissime temperature.
La ceramica rappresenta un elemento rilevante del comune patrimonio economico, artistico e culturale europeo.
Al giorno d'oggi la ceramica ricopre ancora un ruolo essenziale sotto il profilo economico-utilitaristico, viene utilizzata come isolante elettrico, viene impiegata in attrezzature chimiche e idrosanitarie, in elettronica, in medicina nelle protesi dentarie e ossee, nel campo dell'energia nucleare e nella tecnologia aeronautica e spaziale.
Tuttavia la ceramica si sta gradualmente spogliando delle sue connotazioni più spiccatamente artistico - culturali. A fronte di una grande produzione di ceramiche industriali, il settore dell'artigianato ceramico sta affrontando gravi problemi; la globalizzazione e l'invecchiamento della popolazione degli artigiani stanno portando ad un continuo declino del settore. Le ceramiche tradizionali stanno lottando per sopravvivere e sempre più piccoli laboratori e gallerie d'arte rischiano la chiusura.

Leggi tutto...

imageLab.Giovani è un progetto promosso dalla FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, in collaborazione con Focus Europe, che mira a contrastare la discriminazione e l’esclusione sociale dei giovani con disabilità nelle regioni del Sud, puntando sull’emersione e la valorizzazione delle loro risorse, idee e proposte, con l’obiettivo strategico di promuovere nuovi leader nel tessuto associativo locale.

Leggi tutto...

Altri articoli...

  1. Progetto PARK

Pagina 1 di 2